Frollini “saraceni”

10 Marzo 2014appetitosando

Ciao bella gente!
Allora, avete già dato una sbirciatina alla novità? Intento dire ad Appetitosando Theory! 😉
Ve ne parlo un po’ perché i post pubblicati in questi giorni fanno proprio al caso nostro dovendo qui parlare di pasta frolla, eheheh..
Essì perché questi bei biscottini che vedete qui sotto sono dei frollini semplici ma molto buoni e azzeccatissimi per una bella pausa tè, preparati con la farina di grano saraceno, ché giusto giusto avevo da finire un sacchetto…
E mica pensavate che la pasta frolla si poteva fare solo con la farina 00?!
E poi ci sono tante altre cosine che è importante sapere quando si vuole preparare una frolla con tutti i crismi, oppure vi interesserà capire perchè qualche volta la frolla non vi è venuta bene come speravate… Allora non fatevi sfuggire il primo (cliccando qui!), il secondo (invece qui!) e il terzo post (qui qui!!!) di Appetitosando Theory dedicati – appunto – alla pasta frolla.
In futuro potrete consultare AppTh (abbreviamolo così, va’) cliccando sul  link “Un po’ di THEORY” del menù qui sopra, oppure sull’immagine che trovate nel menù verticale a destra.
Ancora una volta buona Theory, ma soprattutto buona pausa tè… o caffè con i miei dolci biscottini saraceni! 😉

Ingredienti
200 g di farina di grano saraceno
100 g di farina 00
140 g di burro
100 g di zucchero
1 uovo intero + 1 tuorlo
zucchero di canna q.b.

Su un piano di lavoro create una fontana con le farine e lo zucchero, mettete al centro le uova e impastate, poi unite il burro freddo a pezzetti . Quando l’impasto sarà liscio ed omogeneo stendetelo con un mattarello sopra un foglio di carta-forno. Coprite con un altro foglio e mettete in frigorifero a riposare per circa un’ora. Togliete dal frigo, tagliate i biscotti con una formina e disponeteli in una teglia coperta con carta-forno. Spolverizzate i biscotti con lo zucchero di canna, cuocete in forno ben caldo a 180° per 15 minuti circa. Quando sono cotti e appena dorati toglieteli  dal forno e disponeteli a raffreddare su una gratella.

E per rendere più bella la ricetta la trasformiamo in immagine fotografica… 🙂

4 Comments

  • Francesca P.

    10 Marzo 2014 at 18:56

    Ciao Vale! Mi accogli con una forma che adoro (le stelle, viva i sogni che rappresentano e quelle che cadono ascoltando i nostri desideri) e con una farina tra le mie preferite… bella anche la ricetta scritta con la foto! 🙂

    1. Valentina

      11 Marzo 2014 at 6:39

      Cara Francesca grazie per questa bella visita! Anche io amo molto questa farina e ancora devo finire di metterla alla prova con altri tipi di preparazioni. 😉 Grazie per la risposta al mio commento sul tuo blog…sappi che sarò felicissima un giorno di invitarti a pranzo! :))

  • la signorina pici e castagne

    12 Marzo 2014 at 11:20

    mi piace la farina di grano saraceno così come mi piacciono un po' tutte le farine alternative alla bianca di grano tenero 00.
    sarà che danno una croccantezza ed un gusto unico agli impasti, un po' rustici come piacciono a me.
    queste stelline potrebbero essere come le ciliegie…..
    bacissimi!

    1. Valentina

      12 Marzo 2014 at 14:40

      Carissima Serena, queste stelline SONO come le ciliegie, anzi per me di più visto che le ciliegie non mi fanno scattare l'effetto "una tira l'altra" e per questo mia madre mi dice da anni che sono proprio strana, ahahah, però l'altro giorno mi ha tolto il piatto quando ha visto che ho agguantato il quinto biscotto! 😀
      Buona giornata e grazie per il commento! :)))

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Next Post