Cake di ricotta, mandorle e mirtilli secchi

16 Gennaio 2016appetitosando

cake ricotta mirtilli

Essere indietro con il programma, questa è una delle frustrazioni più comuni per una prof.
E purtroppo succede (quasi?) sempre, vuoi perché ti capitano delle classi che a inizio anno sono indietro con gli argomenti già da prima che tu arrivassi, vuoi perché gli studenti a volte studiano un po’ (troppo!) poco e quindi c’è bisogno di passare più tempo sui singoli argomenti rispiegandoli varie volte o facendo più esercizi in classe (soprattutto in matematica…), vuoi perché capita spesso di utilizzare buona parte delle ore di lezione ad interrogare con calma per mettere i ragazzi a proprio agio e pazientando quando le risposte non arrivano (sob!), vuoi perché a scuola oltre alle lezioni ci sono sempre duemila altre iniziative e attività extra belle, utili, interessanti ma che ti fanno slittare il lavoro in avanti di parecchi giorni (ahinoi!) in men che non si dica.
E io sono indietro con il programma. L’ho detto. E per tutte le ragioni elencate sopra…

Ma il guaio è un altro… Oggi mi accorgo che sono indietro anche con il programma di Appetitosando!
Che uno potrebbe dire, ma che senso ha dire di stare indietro col programma del blog visto che questo non ha scadenze di pubblicazione ma si aggiorna secondo la disponibilità dell’autore?
Da una parte è così, ma dall’altra c’è che mi sono resa conto, da tempo ormai, che se io non programmo il lavoro del blog, non riesco ad andare avanti poiché tutte le altre cose da fare che riempiono normalmente le giornate (lavoro, impegni, attività, volontariato, svago ecc.), alla fine prendono il sopravvento e rubano quel tempo necessario alla pubblicazione di un nuovo post. Infatti non serve solo il tempo per cucinare e a fotografare il piatto appena è pronto, ma serve poi  (almeno a me) molto più tempo per scaricare le foto, post-produrle e scrivere la ricetta e il post.
Insomma, per farla breve… sono indietro! E lo vedete anche voi dalle date ormai distanti di pubblicazione dei post… Paradossalmente ho anche un po’ materiale in cantiere, ricette e foto pronte!!! Sono una frana… Ma questa mattina ho scelto di darmi una mossa e di cercare di recuperare il tempo perduto. Questo è un proposito che dentro di me avevo già fatto a capodanno, è quindi ora di metterlo in pratica senza temporeggiare ancora! 
Vi saluto lasciandovi ispirazione per un dolcino veloce e buono da preparare per una bella pausa tè della domenica pomeriggio. Che ne dite? A presto!!! 😉

Cake con ricotta, mandorle e mirtilli secchi
Write a review
Print
Ingredients
  1. 250 g di farina
  2. 140 g di zucchero
  3. 3 uova
  4. 80 g di mandorle spellate
  5. 250 g di ricotta freschissima
  6. 50 g di mirtilli secchi
  7. 1 limone scorza grattugiata
  8. 10 g di lievito
  9. mezzo bicchierino di rum
Instructions
  1. Tritate le mandorle e tenetele da parte. In una ciotola capiente lavorate la ricotta e lo zucchero con una forchetta fino a farla diventare soffice e finché lo zucchero non si è tutto ben incorporato.
  2. Aggiungete le uova una alla volta dopo che quello inserito si è amalgamato bene al composto. Per sbattere si può usare anche una frusta elettrica.
  3. Unite il rum e la scorza di limone grattugiata, dopo aver lavato accuratamente la buccia.
  4. Incorporate la farina setacciata continuando a sbattere e quindi il lievito.
  5. Ora unite le mandorle e i mirtilli e mescolate con l'aiuto di una spatola.
  6. Versate in uno stampo da plumcake, livellate il composto e cuocete in forno già caldo a 180° per 50 minuti circa.
Appetitosando https://www.appetitosando.it/
 Consiglio: Non fate sgocciolare la ricotta, il liquido che ha serve a fare in modo che l’impasto non risulto troppo stretto.

CAKE CON RICOTTA, MANDORLE E MIRTILLI SECCHI

– – – Ingredienti – – –
250 g di farina
140 g di zucchero
3 uova
80 g di mandorle spellate
250 g di ricotta freschissima
50 g di mirtilli secchi
1 limone scorza grattugiata
10 g di lievito
mezzo bicchierino di rum
 
– – – Procedimento – – –
Tritate le mandorle e tenetele da parte. In una ciotola capiente lavorate la ricotta e lo zucchero con una forchetta fino a farla diventare soffice e finché lo zucchero non si è tutto ben incorporato.
Aggiungete le uova una alla volta dopo che quello inserito si è amalgamato bene al composto. Per sbattere si può usare anche una frusta elettrica.
Unite il rum e la scorza di limone grattugiata, dopo aver lavato accuratamente la buccia.
Incorporate la farina setacciata continuando a sbattere e quindi il lievito.
Ora unite le mandorle e i mirtilli e mescolate con l’aiuto di una spatola.
Versate in uno stampo da plumcake, livellate il composto e cuocete in forno già caldo a 180° per 50 minuti circa.

cake ricotta mirtilli2

 

2 Comments

  • Batù Simo

    17 Gennaio 2016 at 18:28

    ah.. guarda con me sfondi una porta aperta, tutti i dolci con la ricotta, sia nell’impasto che non, sono i miei preferiti in assoluto dunque.. sai che acquolina mi è venuta? Mio figlio ha insegnato lingue per un certo periodo e, a parte che lavorava poi il doppio a casa per preparare dispense, correggere ecc non sto qui a dirti che lo sai diecimila volte meglio di me, lui è stakanovista, sempre, sempre un passo avanti, a costo di azzerare (sbagliando, secondo me) la vita privata, quindi in ritardo no, non mi risulta, la frustrazione semmai è stata lo stipendio (infatti ha cambiato, con dispiacere perchè è stato un arricchimento sotto il profilo umano, tant’è alcuni studenti gli mandano mail a distanza di tre anni) quindi io, indirettamente, ti capisco. un buon fine settimana!

    1. appetitosando

      17 Gennaio 2016 at 18:41

      Eheheheheheh l’insegnamento è un lavoro molto particolare in effetti, ma non è il caso di star qui a parlarne troppo…
      Invece sono felicissima di sapere che anche tu adori i dolci con la ricotta!
      Anche se quando devo adoperarla per un dolce sto lì che la guardo con il desiderio folle di mangiarmela tutta a cucchiaiate prima di fare il dolce!!!
      😀 Ciao!

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Next Post