Fettuccine alla vignarola

2 Aprile 2015appetitosando
fettuccine alla vignarola
 
La pasta fresca è una preparazione che mi ha sempre affascinata, sin da bambina. Vedevo mia nonna preparare uova e uova di pasta fresca e stenderla con estrema maestria a colpi di mattarello in una sfoglia sottile, omogenea, perfettamente rotonda. Questa poi veniva distesa sul letto grande ad asciugare un po’, adagiata su una tovaglia pulitissima, in attesa di essere tagliata. Il taglio era il momento che mi coinvolgeva di più: mi mettevo seduta vicinissima al tavolo ad osservare concentrata quanto mia nonna fosse veloce e sicura nel ricavare delle fettuccine tutte dello stesso spessore a suon di regolari “zac-zac-zac” di coltello (anzi, di “coltella“, come la chiamava lei) sulla spianatoia.

Forse il motivo per cui io abbia atteso così tanto tempo prima di decidermi a tentare, da sola, la preparazione delle fettuccine stava proprio nel timore di sciupare la magia di questi ricordi preziosi e irripetibili.
Poi è capitato che, un giorno,io abbia letto sul web di questo contest indetto dal Molino Dallagiovanna per sponsorizzare la sua farina UNIQUA Verde. Leggendo le informazioni presenti sul sito, mi sono incuriosita riguardo questo prodotto e ho deciso di partecipare richiedendo il pacco di farina. La decisione di prepararci le fettuccine è venuta all’improvviso quando ho avuto il pacco tra le mani. Una farina speciale (è veramente una farina bellissima, questa, già al tatto) per un piatto speciale: le mie prime fettuccine! E per l’occasione ho voluto anche un condimento speciale.
Nonostante a casa mia il ragù sia tra i nostri pezzi forti, ho preferito scegliere qualcosa di diverso che da un lato esprimesse la mia romanità, dall’altro celebrasse la primavera da poco arrivata.
Ho pensato quindi di utilizzare la vignarola, un tipico piatto romano a base di verdure di inizio primavera, per accompagnare delicatamente, ma con gusto, queste fettuccine.
La vignarola infatti contiene i carciofi, che ancora resistono all’inverno appena uscito, i piselli, le fave e la scarola. Vi ho già consigliato di preparare la vignarola come piatto di verdure o, in una possibile variante, come una zuppa. Oggi però vi invito a usarla per condire le vostre fettuccine ed avere in piatto buono, genuino, gustoso, ricco e primaverile. Fettuccine preparate, magari, con una farina speciale!
 
Fettuccine alla vignarola
Write a review
Print
Ingredients
  1. 2 uova
  2. 200 g di farina UNIQUA Verde - Molino Dallagiovanna
  3. 3 carciofi
  4. 100 g di piselli sgranati
  5. 100 g di fave sgranate
  6. 12 foglie di scarola
  7. 30-40 g di pancetta
  8. 1 spicchio d'aglio
  9. 1 limone
  10. 1 l di brodo vegetale caldo
  11. pecorino grattugiato (facoltativo)
  12. olio e.v.o.
  13. sale & pepe
Instructions
  1. Su una spianatoia formate una fontana con la farina, mettevi dentro le uova e iniziate a sbattere con una forchetta senza farle uscire dalla fontana.
  2. Dopo aver incorporato la metà della farina iniziate a impastare con le mani fino a ottenere un panetto bello liscio. Fate riposare la pasta almeno una mezz'ora tra due piatti fondi.
  3. Riprendete la pasta, schiacciatela un po' con le mani e stendetela a sfoglia sottile.
  4. Fatela asciugare per un quarto d'ora poi tagliate la sfoglia ricavandone delle fettuccine e formate delicatamente dei nidi.
  5. Preparate la vignarola da usare come condimento. Mondate e pulite i carciofi dalle foglie esterne e dalla eventuale peluria interna.
  6. Ricavate anche la parte interna e più tenera dei gambi. Metteteli a bagno in acqua e succo di limone per non farli annerire.
  7. Tagliate a listarelle sottili la pancetta. In una padella dai bordi alti mettete un po' olio, lo spicchio d'aglio e la pancetta.
  8. Fate rosolare dolcemente poi aggiungete i carciofi tagliati a fettine. Fate insaporire poi versate un mestolo di brodo e fate cuocere qualche minuto.
  9. Aggiungete le fave e i piselli e unite un altro mestolo di brodo.
  10. Intanto lavate la scarola, dividete le foglie a metà e tagliatela grossolanamente con un coltello. Quando le verdure nella pentola sono quasi cotte aggiungete la scarola e altro brodo.
  11. Mettete sale e pepe e fate terminare la cottura.
  12. Cuocete per alcuni minuti le fettuccine in abbondante acqua bollente salata. Scolatele e ripassatele nella vignarola calda facendo asciugare l'eventuale liquido in eccesso. Servite le fettuccine alla vignarola ben calde con sopra una spolverata di pecorino, se lo gradite.
Appetitosando https://www.appetitosando.it/

Con questa ricetta partecipo al contest indetto da Cucina Semplicemente in collaborazione con Farina UNIQUA Verde

fettuccine alla vignarola

6 Comments

  • SeV a colazione

    2 Aprile 2015 at 6:31

    Anche da queste parti la pasta fatta in casa era una certezza, così spesso mi viene voglia di rispettare la tradizione e rompere qualche uovo in quel cratere di farina… Ottima la proposta del sugo alle verdure primaverili.
    Buona Pasqua,
    V.

    1. appetitosando

      2 Aprile 2015 at 6:43

      Buongiorno V.!
      Io ho sempre trovato molto "confortante" la grande cura con cui le nostre nonne e le nostre zie si dedicavano alla cucina. Una cucina naturale, genuina, che trasformava a regola d'arte le materie prime offerte dalla nostra terra e che produceva, a sua volta, un secondo frutto d'amore. In fondo noi blogger abbiamo, credo, un po' tutte il desiderio di far rivivere tutto questo ancora oggi. 🙂
      Ti ringrazio per essere passata di qui e ti auguro una buonissima Pasqua! Un bacio!

  • Mariagrazia Continisio

    2 Aprile 2015 at 7:04

    Quest fettuccine sono un capolavoro ^_^

  • appetitosando

    2 Aprile 2015 at 8:03

    Mariagrazia io ti adoro!!!! :* :* :*
    Grazie carissima 🙂 Sono effettivamente soddisfatta, soprattutto perché se questo è solo il primo tentativo ora non si può far altro che migliorare!?
    Ahahah 😉 Ti auguro una buonissima giornata! 🙂

  • La cucina di Esme

    2 Aprile 2015 at 9:40

    fantastico questo piatto di fettuccine!
    Tanti auguri per una serena Pasqua piena di gioia e tanto buon cibo!!!
    Alice

    1. appetitosando

      2 Aprile 2015 at 12:06

      Alice, sì è stato un piatto di grande soddisfazione!!!
      Auguri di buona Pasqua anche a te, cara! 🙂
      E credo che il buon cibo non mancherà… 😉

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Next Post